Le autorità svizzere online

Direttamente al contenuto

Zecche – come e dove fare attenzione?

Le zecche possono trasmettere diversi agenti patogeni. Le due malattie più importanti sono:

  • l’encefalite da zecche (Meningoencefalite verno-estiva)
  • la Borreliosi / Malattia di Lyme.

Zone a rischio

In Svizzera la specie più diffusa è la zecca dei boschi (Ixodes ricinus). Il suo ambiente di vita privilegiato è rappresentato dai boschi di latifoglie caratterizzati da un denso sottobosco, dalle zone dove vi sono margini boschivi, strade e sentieri forestali. Le zecche non cadono dagli alberi, ma stanno sulle piante basse e attendono il passaggio di un ospite temporaneo, umano o animale, per poi lasciarsi cadere sopra di esso.

Borreliosi / Malattia di Lyme

Tutte le zone dove sono diffuse le zecche sono considerate a rischio per la Borreliosi.

Meningoencefalite verno-estiva

Le zone a rischio per la Meningoencefalite comprendono tutto il territorio, o una parte di esso, dei Cantoni ZH, TG, SH, SG, GR, AG, LU, BE, SO, BL, NW, OW, UR, ZG, FR, VD e VS. Le zone situate oltre i 1000 m s.l.m. di quota non sono finora risultate a rischio per l’assenza di zecche infettate dal virus della Meningoencefalite.

Sul sito Web dell’Ufficio federale della sanità pubblica si possono trovare indicazioni costantemente aggiornate sulle zone in cui è raccomandabile vaccinarsi.

Zone in cui è raccomandabile una vaccinazione contro la Meningoencefalite

Precauzioni: misure preventive e vaccinazione

Come proteggersi dalle zecche:

  • indossare abiti che non lasciano zone del corpo scoperte;
  • evitare di frequentare aree boschive ricche di sottobosco;
  • proteggersi utilizzando prodotti repellenti per la pelle e insetticidi per l’abbigliamento;
  • dopo aver trascorso del tempo all’aperto controllare tutto il corpo e gli abiti indossati per individuare la presenza di zecche.

Borreliosi / Malattia di Lyme

Contro la Borreliosi non esiste un vaccino. Questa malattia infettiva è più diffusa dell’encefalite da zecche e può venir curata per mezzo di antibiotici.

Meningoencefalite verno-estiva

Contro la Meningoencefalite esiste un vaccino, raccomandato dall’Ufficio federale della sanità pubblica a tutte le persone che vivono o che soggiornano temporaneamente nelle zone a rischio. In queste zone l’assicurazione sanitaria obbligatoria copre tutte le spese per la vaccinazione. Nel caso di operai forestali, guardie forestali e agricoltori, per i quali è indicata la vaccinazione, i costi vengono coperti dal datore di lavoro.

Sintomi e altre informazioni sulla Meningoencefalite verno-estiva

Sintomi e altre informazioni sulla Borreliosi / Malattia di Lyme

Rimuovere le zecche dalle persone e dagli animali

  • Poiché spesso le punture di zecche non sono visibili, dopo aver trascorso del tempo all’aperto è consigliabile esaminare il corpo e gli abiti per individuare eventuali zecche. Indossare abiti chiari facilita l’identificazione di eventuali zecche.
  • Anche gli animali domestici (cani, gatti o cavalli) devono essere controllati.
  • Una volta individuate, le zecche devono essere rimosse il più rapidamente possibile. Servendosi di una pinzetta fine o di un’apposita pinza per le zecche, afferrare la zecca direttamente sopra la pelle ed estrarla esercitando una trazione costante. In seguito disinfettare immediatamente la zona della puntura.
  • Ricordarsi (o annotare) dove si trova la puntura. In caso di febbre o di altri sintomi consultare un medico.

Un App utile in caso di punture di zecche

L’applicazione, messa a punto dalla Scuola universitaria professionale delle Scienze applicate, vi aiuta a prevenire e trattare correttamente le punture di zecche. Disponibile per Ipad e Iphone.

Complemento

Il morso o la puntura di un insetto, per esempio di una zecca, che causa un’intossicazione o un’infezione, conta come infortunio.