Le autorità svizzere online

Direttamente al contenuto

Lavoro domenicale e notturno

Per principio, il lavoro notturno (tra le 23:00 e le 6:00 del mattino) e domenicale (tra le 23:00 del sabato alle 23:00 della domenica) è vietato.

Il lavoro domenicale e notturno può essere autorizzato se sono adempiute le relative condizioni. Per determinate categorie di aziende e di lavoratori esistono delle disposizioni speciali che permettono di occupare lavoratori durante la notte e la domenica senza bisogno di ottenere un’autorizzazione ufficiale (v. Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro).

Il lavoratore non può comunque essere occupato nel lavoro notturno o domenicale senza il suo consenso.

Lavoro notturno e domenicale temporaneo


Per l’azienda

Il lavoro notturno è considerato temporaneo quando non eccede tre mesi per azienda e per anno civile oppure, se l’impiego presenta un carattere eccezionale, fino a 6 mesi al massimo.

Il lavoro domenicale è considerato temporaneo quando non eccede sei domeniche, compresi i giorni festivi legali, per azienda e per anno civile oppure, se l’impiego presenta un carattere eccezionale, fino a tre mesi al massimo.

Fatto salvo i casi enumerati nell’Ordinanza 2 concernente la Legge sul lavoro, il lavoro notturno e dominicale temporaneo necessita l’ottenimento di un’autorizzazione da parte dell’autorità cantonale. Il lavoro notturno e dominicale temporaneo sarà autorizzato se ne è provato l’urgente bisogno.

Per il lavoratore

Svolge un lavoro notturno temporaneo il lavoratore occupato durante al massimo 24 notti per anno civile. In questo caso, il lavoratore ha diritto ad un supplemento salariale del 25 per cento almeno.

Svolge un lavoro domenicale temporaneo il lavoratore occupato durante al massimo 6 domeniche per anno civile. In questo caso, il lavoratore ha diritto ad un supplemento salariale del 50 per cento e ad una compensazione in tempo. In merito alla compensazione in tempo: il lavoro domenicale di una durata massima di cinque ore è compensato mediante tempo libero della stessa durata e, se si prolunga oltre le cinque ore, con un riposo non inferiore a 24 ore consecutive seguente il riposo giornaliero (ossia in totale 35 ore).

Lavoro notturno o domenicale continuo o regolare


Per l’azienda

Si parla di lavoro notturno o domenicale continuo o regolare quando il volume temporale del lavoro notturno o domenicale temporaneo è superato.

Fatto salvo i casi enumerati nell’Ordinanza 2 concernente la Legge sul lavoro, il lavoro notturno e dominicale regolare e periodico necessita l’ottenimento di un’autorizzazione da parte della SECO. Il lavoro notturno e dominicale regolare o periodico sarà autorizzato se è indispensabile per motivi tecnici o economici.

Per il lavoratore

Svolge un lavoro notturno regolare o periodico il lavoratore occupato durante 25 notti o più per anno civile.

In questo caso, il lavoratore ha diritto a una visita medica e alla consulenza. In alcuni casi tale visita è obbligatoria.

Per ragioni di protezione della salute, per il lavoro notturno e domenicale regolare e periodico non sono previste delle compensazioni salariali, ma unicamente delle compensazioni in tempo libero. Il lavoratore che svolge regolarmente o periodicamente un lavoro notturno ha diritto a una compensazione di tempo equivalente al 10 per cento del tempo durante il quale è stato svolto il lavoro notturno. La compensazione in tempo libero per il lavoro domenicale regolare o periodico corrisponde alla compensazione in tempo per il lavoro domenicale temporaneo.

Disposizioni dettagliate

Per disposizioni più dettagliate relative al lavoro notturno e domenicale consultare il promemoria della SECO relativo alle principali disposizioni sulla durata del lavoro e del riposo.

Promemoria «Principali disposizioni sulla durata del lavoro e del riposo»