Le autorità svizzere online

Direttamente al contenuto

Divorzio e affidamento

Dal 1° luglio 2014 l’autorità parentale congiunta sarà la norma in caso di divorzio.

Come è organizzata l’autorità parentale congiunta?

Il giudice che pronuncia il divorzio disciplina i diritti e i doveri dei genitori, in particolare l’autorità parentale e la custodia dei figli, le relazioni personali con i figli, la quota di custodia e il contributo di mantenimento dell’altro genitore. L’autorità parentale comune costituisce la regola.

L’affidamento singolo viene concesso al padre o alla madre solo in casi particolari. Al centro vi è il bene del bambino. Se gli interessi del bambino devono essere particolarmente protetti, il giudice può affidarne la custodia a un solo genitore.

Se le circostanze cambiano notevolmente, l’attribuzione dell’autorità parentale può essere rivista. In caso d’intesa è competente l’autorità di protezione dei minori e degli adulti (APMA), in caso di discordia il giudice.

Accredito per compiti educativi nell’AVS

Il giudice che pronuncia il divorzio o l’autorità di protezione dei minori e degli adulti (APMA) decide in merito all’attribuzione dell’accredito per compiti educativi dell’AVS. L’intero accredito è assegnato al genitore che si assume la quota preponderante delle prestazioni di custodia.

Opuscolo «Accrediti per compiti educativi»

L'autorità parentale – Revisione del Codice civile e modifica dell’ordinanza AVS