Direttamente al contenuto

Come si vota per via elettronica?

Oggigiorno tutti gli aventi diritto di voto ricevono il materiale di voto in formato cartaceo (scheda di voto, certificato elettorale, busta di voto e opuscolo con le spiegazioni del Consiglio federale). Inoltre, agli aventi diritto di voto che possono votare per via elettronica vengono inviati anche dei codici su carta. Avendo a disposizione tutto il materiale necessario, essi possono dunque decidere liberamente quale canale di voto utilizzare.

Come per altri servizi in Internet per esprimere il proprio voto per via elettronica sono necessari più codici. Se siete autorizzati a votare per via elettronica tali codici sono contenuti nel vostro certificato elettorale. Il primo codice permette di collegarsi al sistema di voto in Internet dove è possibile esprimere il proprio voto.

Chi può votare per via elettronica

Controllare il proprio voto

Dopo aver espresso il proprio voto è possibile verificare la correttezza dell’operazione. Più codici permettono di controllare se il proprio voto è stato trasmesso in modo corretto al sistema. È quanto viene detto “verificabilità individuale”.

Finalizzazione del processo di voto elettronico

Dopo aver espresso il vostro voto, sul sito Internet apparirà un codice di finalizzazione a conferma dell’avvenuta registrazione del voto. Il codice di finalizzazione indica che il vostro voto è arrivato al server di voto elettronico.

Come viene gestita la sicurezza durante la votazione per via elettronica?

Il diritto federale prescrive l’impiego di moderni metodi matematici che garantiscano tanto il segreto del voto quanto la tracciabilità dello stesso. Un elemento chiave dei requisiti federali è la cosiddetta verificabilità, che permette di individuare eventuali manipolazioni del voto. I sistemi utilizzati attualmente garantiscono la verificabilità individuale: i cittadini ricevono un codice di controllo grazie al quale possono verificare da sé la corretta registrazione del voto. I codici in questione sono inviati per posta e non possono perciò essere manipolati. In futuro i sistemi impiegati in Svizzera disporranno della verificabilità completa, grazie alla quale sarà possibile verificare, mediante una serie di processi matematici, la regolarità dell’intero processo di voto. Quando tutte le verifiche forniscono un risultato corretto, vi è la garanzia che la votazione non ha subito manipolazioni. È ad esempio possibile dimostrare che tutti i voti pervenuti sono stati correttamente conteggiati durante lo spoglio.

Stato attuale

All’inizio del 2019 dieci Cantoni proponevano il voto elettronico. I Cantoni potevano scegliere tra due sistemi di voto elettronico: il sistema del Cantone di Ginevra e quello della Posta svizzera. Conformemente alla decisione del novembre 2018, nel mese di giugno del 2019 il Cantone di Ginevra ha comunicato che, con effetto immediato, il suo sistema non sarebbe più stato a disposizione. Il 5 luglio 2019 la Posta ha comunicato che il sistema verificabile individualmente non è più messo a disposizione dei Cantoni. Il sistema completamente verificabile della Posta dovrebbe poter essere utilizzato a partire dal 2020.

Dato che al momento non vi sono altri sistemi di voto elettronico in Svizzera, questa modalità di voto non può essere utilizzata nel nostro Paese (stato: luglio 2019).

In occasione della sua seduta del 26 giugno 2019 il Consiglio federale ha inoltre incaricato la Cancelleria federale di provvedere entro la fine del 2020 a reimpostare la fase sperimentale in collaborazione con i Cantoni e a sottoporgli un corrispondente rapporto.

E-voting: informazioni della Cancelleria federale

E-voting : Informazioni aggiornate della Cancelleria federale