Le autorità svizzere online

Direttamente al contenuto

Congedo e indennità di maternità

Tutte le madri lavoratrici (salariate, indipendenti, disoccupate e donne che lavorano nell'azienda del marito o di un congiunto e che percepiscono un salario) hanno diritto a un congedo di maternità pagato. Il congedo paternità non è previsto da nessuna legge federale.

Congedo di maternità:

14 settimane

80% del salario

 

Le lavoratrici - sia a tempo pieno, sia a tempo parziale -beneficiano di un congedo di maternità di 98 giorni (14 settimane) a partire dal giorno in cui è stato versato. Se una donna riprende a lavorare prima, il diritto decade.

Le madri ricevono l'80 per cento del loro salario sotto forma di indennità giornaliere, ma al massimo 196 franchi al giorno. Disposizioni cantonali, regolamenti del personale e contratti collettivi di lavoro possono prevedere soluzioni più estese.

Durante le prime otto settimane dopo il parto vige il divieto di  riprendere il lavoro.

Condizioni

Per poter ricevere le indennità giornaliere la lavoratrice deve essere stata assicurata all'AVS nei nove mesi precedenti il parto e aver lavorato per almeno cinque mesi durante la gravidanza. Al momento del parto deve inoltre avere ancora un rapporto di lavoro, un'occupazione indipendente o collaborare nell'azienda del marito percependo un salario in contanti.

Se prima del parto la donna beneficiava di indennità di disoccupazione, o se riempiva le condizioni per averne diritto, potrà allora beneficiare delle indennità di maternità.

Se le suddette condizioni non sono soddisfatte, non riceve alcuna indennità giornaliera e non può nemmeno essere occupata.

Inizio

Il congedo inizia con la nascita del bambino.

Disdetta del rapporto di lavoro

Durante il congedo maternità la lavoratrice non può essere licenziata.

Opuscolo sulla protezione delle lavoratrici durante la maternità