Direttamente al contenuto

Congiunzioni di liste e sotto-congiunzioni di liste

Per migliorare le opportunità di essere eletti, in alcuni casi, partiti e/o gruppi candidati possono decidere di unire le loro liste.

Nei Cantoni in cui l’elezione avviene con il sistema proporzionale, i partiti politici possono decidere di unire le loro liste per accrescere le loro chance di conquistare dei seggi: questa possibilità è detta congiunzione di liste.

All’interno di una congiunzione, due o più liste possono decidere di raggrupparsi (sotto-congiunzione), ma solo se hanno la stessa denominazione e si differenziano unicamente da aggiunte intese per specificare l’età, la regione, l’appartenenza di un gruppo o il sesso dei candidati.

Per esempio:  

  • Raggruppamento fra il partito “A”, il partito “A donne”, il partito “A giovani”, il partito “B” e il partito “B giovani” = congiunzione di liste;
  • All’interno di questa lista congiunta, è possibile un’ulteriore congiunzione (chiamata “sotto-congiunzione"). Ma in questo caso il partito “A”, potrà raggrupparsi solo con il partito “A giovani” e/o al partito “A donne”, e non potrà invece raggrupparsi con il partito “B” o con “B giovani”.

Tutte queste congiunzioni e sotto-congiunzioni di liste possono essere presentate entro lo scadere del termine di modifica previsto nel Cantone (14 oppure 7 giorni dal termine di presentazione delle candidature; art. 29 cpv. 4 LDP). Una volta stabilite, queste congiunzioni e sotto-congiunzioni non possono più venire revocate.

Nell’ordinanza sui diritti politici (ODP) trovate un modello di modulo per la congiunzione di liste (Allegato 3b).

Come candidarsi al Consiglio nazionale?
Maggiori informazioni sulle candidature nella Legge federale sui diritti politici, art. 16-57